Tra le nuvole

Stasera mi sono visto Tra le nuvole, un film di Jason Reitman… dopotutto era quasi d’obbligo, no? 😉
Jason Reitman è il regista di  Thank you for smoking; uno specializzato nei cinici, diciamo.

All’inizio mi sembrava uno di quei film molto americani, un po’ stupidi se vogliamo.
Terminato il film avevo cambiato un po’ opinione, non foss’altro per quella fine oserei dire poetica, con il protagonista, Clooney, che dice

Stasera molti rientrando a casa saranno salutati da cani saltellanti e figli che strillano.
Il loro coniuge gli chiederà come è andata la giornata e stasera si addormenteranno.
Le stelle usciranno discrete dai loro nascondigli diurni, e una di quelle luci, appena più luminosa delle altre, sarà l’ala del mio aereo che passa.

Queste parole dicono relativamente poco a chi non ha visto il film, ma ecco, da bravo non-recensore vi accenno comunque che il protagonista è uno che gira di continuo per gli States, che non ha rapporti stabili.
E…cosa mi ha fatto pensare questo film?
Quello che già altre volte avevo pensato: che anche i cinici, nel loro profondo, nella loro vera essenza, non lo sono del tutto.
Ho pensato che dipende a volte solo dalla persona che incontri, o magari be’ si anche la vita può cambiarti.
E io, a chi dice “non voglio legami” non gli ho mai creduto fino in fondo: penso che in realtà sia solo un modo per dire che il legame giusto non l’ha ancora trovato.

…e quindi uscimmo a riveder le stelle

Cielo Stellato

No Dante, torna pure dentro, che tanto le stelle ormai non si vedono più!

Non so da voi, ma qui a Roma, se una notte punti il naso verso l’alto, non è così scontato che tu veda qualche stella.
Principalmente per l’inquinamento luminoso, come in molte parti del mondo.

E perché parlo di ciò?
Perché ogni tanto ascolto “Six Minute English“, un programma BBC radio che ascolto in podcast per tenere l’inglese in allenamento, e hanno colto l’occasione per pubblicizzare la prima “dark sky reserve” (diciamo il primo parco per la preservazione dell’oscurità del cielo?) d’Europa, l’Exmoor National Park.
Il parco è quindi una zona molto buia, e viene fatto sì, attraverso la protezione del territorio con regole e controlli, affinché rimanga tale.
Il parco si trova in Inghilterra, in zona sud ovest.

Sulla pagina della BBC potete trovare un filmato che illustra la notizia, con delle immagini sempre affascinanti della Terra vista di notte.

E ora, tutti in gita, con la Gabbiano-travel! 😉

fonte immagine: http://www.keplero.org/2009/12/il-cielo-stellato-sopra-di-me.html

Moon river

A forza di nominare Tiffany, Gabbiano ha ripensato a Moon River, la celebre e romanticissima canzone.

E ascoltandola Gabbiano chiude gli occhi e si perde tra le note, volando libero tra pensieri soffici come le nuvole.

Gabbiano si vede camminare lungo un ruscello, di notte, al chiaro di luna. Accanto a lui una fanciulla dai capelli lunghi e mossi, dalla carnagione resa ancor più chiara dal candore lunare. Mentre i due avanzano piano, le loro mani si cercano, si intrecciano lente. Il vento tiepido li accarezza leggero. Gli sguardi vanno a rimirare le stelle brillanti, per poi tornare delicatamente giù, desiderosi di scorgere negli occhi dell’altro il riflesso di quella luna che li osserva, deliziata.

Punto

Di immaginazione e semplice poesia
questo scritto tenta di creare un’alchimia.
Da un punto partito,
al termine chissà dove sarò finito!
Punto, a volte conclusione,
può anche generare un’emozione:
basta guardar su in una notte stellata
per risvegliar quella sensazione d’infinito innata,
basta osservar una goccia dalle nubi tuffare
per cercar le amiche laggiù nel mare.
Punto. Fine e nuovo inizio,
giorno in una vita,
bacio in un amore.
Ah, punto, se non ci fossi tu!

Al suo bianco candore

Tante cose da fare, tanti pensieri, e l’ispirazione se ne va.
Ma poi una sera vedi lei, così candida e luminosa, che brilla di quella luce che ci dà la vita. Lei, la Luna.
Nel buio della notte stasera risplende lassù, di un bianco luminoso nel cielo terso.
E mentre la guardo accarezzato dal vento ora fresco, mentre ascolto i grilli giù nel prato, rimango incantato, e penso all’Universo, e sento tutto ridimensionarsi. Penso alle divisioni che ci sono su questa Terra, e penso che da bambini dovrebbero portarci in gita tra le stelle, e forse riusciremmo a dare più facilmente la giusta importanza a tante cose.
Mi piace guardare le ombre create dalla luce della luna, mi piace guardare qualche nuvola rimasta nel cielo pulito illuminata da quella luce morbida e delicata, della giusta intensità per mostrare ma non svelare del tutto.
Mi piace pensare, guardando i palazzi un po’ più bui del solito, che Lei stia lì, a proteggerci un po’ tutti.
Forse come le maree, guardo la Luna e sento il mio spirito sollevarsi, sorrido.
Firmato: il vostro Gabbiano Mannaro 🙂