Ripensando al liceo

Negli ultimi tempi mi è capitato di ripensare al liceo.
Per vari motivi.
Be’, uno a dire la verità è che ripensavo a una mia compagna in particolare, di cui non so più nulla; mi chiedevo che vita farà ora, se ha magari già dei figli, chissà.

Il liceo tutto sommato non è stato un brutto periodo. “Liceo scientifico sperimentale”… dove “sperimentale” stava per “informatica”… ma alla fine… se ne vedeva ben poca, e si finiva per usare le ore in più per fare altre ore di fisica e matematica.

Mi sa che non ve l’ho mai detto, ma rispetto alle materie umanistiche mi sono sempre piaciute di più quelle scientifiche.
E poi niente, ho una passione smisurata per l’informatica, da quando iniziai ad usare all’età della comunione il mitico Commodore 64 (ma di questo in caso vi parlerò un’altra volta).

C’era una materia che mal sopportavo: storia.
Non ho mai sopportato le materie nozionistiche, e in storia non c’è niente da fare, ti devi ricordare una quantità di fatti infinita.
In realtà, non è proprio così.
Voglio dire, anche nell’informatica ti devi ricordare una quantità di nozioni infinita, è solo che non comprendevo l’utilità dello studiare storia.
Perché per me sta tutto lì: se non capisco perché devo fare qualcosa, non riuscirò mai a farla col giusto spirito.
Se tornassi indietro, effettivamente vedrei le cose un po’ diversamente, perché ritengo che comprendere il passato sia utile per capire il presente e costruire più consapevolmente il futuro.
Comunque sì, sono stato sempre più affascinato dalle materie scientifiche, forse perché sono quelle che permettono all’uomo di progredire concretamente, anche se certo non è che quelle umanistiche non siano importanti: basti pensare, che so, a quanto un libro possa cambiarti.

Il mio prof. di storia e filosofia non lo scorderò di sicuro.
Preparato, attivo, anche troppo :). Un po’ esagerato, forse.
Filosofia mi piaceva, e l’ho portata anche alla maturità.
Comunque, dicevo, il mio prof. aveva inventato alcuni metodi potrei dire innovativi – almeno rispetto agli altri prof. – per spronare e insegnare nuove abilità. Cose che ad oggi posso dire mi sono state probabilmente utili nella formazione, ma che erano terribilmente pesanti.
Tralasciando le verifiche sempre a sorpresa :), ciò che mi ricorderò forse di più fu il riassunto di un libro di storia in rapporto 1:10. Insomma, avete un libro di 200 pagine? Ok, dovete scriverne 20. Non di più, non di meno.
Riassumere la storia non è per niente facile, soprattutto se quando lo fai hai 16 anni e non hai mai affrontato un compito  del genere.
Il libro era uno di approfondimento, tipo, che so, il Medioevo in Toscana.

Riguardo la filosofia, devo dire che ad oggi mi sono scordato parecchie cose.
Tuttavia, concordo con delle parole che ho letto in rete, e cioè che a volte studiare qualcosa non è utile tanto per aumentare il proprio bagaglio culturale, ma soprattutto per acquisire nuove capacità, nuovi tipi di visione.
Non ci avevo mai pensato in modo così netto, prima.
Certo, magari di latino se ne sarebbe potuto fare un po’ meno. Il latino comunque mi piaceva, e infatti andavo bene, al contrario della maggior parte della classe.
Mi chiedo perché il latino mi piacesse. E non ho una risposta. Ci ripenserò.

Non ho mai fatto una di quelle cene-rimpatriata coi miei compagni di scuola dell’epoca, e volete sapere una cosa? Mi sa che è meglio così, tenere quei ricordi così come sono non mi dispiace.

Autore: unGabbianoTraLeNuvole

penso che se sapessi volare e nuotassi tra le nuvole, saprei apprezzarne il sapore. Morbido, forse panna, per non esser troppo originali :-)

9 pensieri riguardo “Ripensando al liceo”

  1. Beh, penso che io conserverò dei buonissimi ricordi del liceo. Ora come ora li ho freschi nella mia mente, ma ovviamente con il tempo sbiadiranno sempre più… Manterrò, probabilmente ed auspicabilmente, quelli che meriteranno la pena di essere ricordati.
    In quanto alle rimpatriate, io ne ho fatta qualcuna con i compagni delle medie, ma non hanno mai avuto un grande successo: gente che non partecipa o che comunque partecipa senza grande coinvolgimento, come se fosse un obbligo pesante e malvisto… Alla fine mantengo i contatti solo con coloro che ho più cuore, mentre con gli altri mi sono persa di vista. Magari i messaggi di routine (natale, compleanno e simili), ma anche in questi casi il contatto mi suona alquanto falso. La cosa mi rattrista e non poco. In fondo so che andrà a finire nello stesso modo con i compagni del liceo. Già durante questi mesi estivi ho sentito esclusivamente cinque o sei persone. E queste si ridurranno ulteriormente, temo. Se questo accadrà, comunque, sarà soprattutto per colpa mia e per la mia incapacità (o pigrizia talvolta) di mantenere vivi i rapporti. O forse è la vita che funziona così e solo le amicizie sincere potranno essere coltivate in futuro.
    Sono ragionamenti profondi, nei quali spesso mi addentro. Poi come vedi ho difficoltà ad uscirne (altrimenti non avresti scritto un poema di commento, Veronica!) 🙂

    1. Bah, che dirti Scrutatrice, mi sa che un po’ tutti perdiamo i contatti con le persone del passato, a parte alcune che per qualche motivo sono forse più affini a noi. Ripensavo, curiosamente, al blog sotto quest’ottica. Ecco, penso che quando non lo gestirò più, rimarrò in contatto con qualcuno tra le tante (beh insomma) persone “incontrate”, un po’ come a scuola… 🙂

  2. I miei ricordi del liceo sono positivissimi, anche se anche quegli anni, potendoli tornare indietro, li rivivrei in maniera diversa per certi aspetti…
    Pure io ho sempre preferito le materie scientifiche, anche se ho avuto professori che mi hanno fatto amare la letteratura italiana e, in quarta superiore, la filosofia (materia preferita di quell’anno, stenderei un velo pietoso sul terzo e quinto anno con altri professori…). Della mia classe poi ero l’unico a cui piacevano le due ore settimanali (o una, non ricordo) dedicate alla Divina Commedia 🙂
    E, come te, la materia che proprio mai mi è andata giù, è sempre stata Storia!!

    1. Ah sai, la Divina Commedia piaceva anche a me, ma solo alcuni canti a dire il vero, certi mi sembravano un po’ noiosi. E poi però c’era la prof di italiano che mi stava terribilmente antipatica, per le sue dannate simpatie ad personam… e che mi rovinava tutto

  3. potrei scriverci una saga sui 5 anni delle superiori (naaaaaaaaah niente paura almeno per ora non lo farò!) ricordi positivi ma anche negativi.. non so, penso sempre che le persone col tempo ricordino solo gli aspetti positivi delle cose e mai quelli negativi e talvolta questi aspetti positivi inizino a diventare scoloriti e quello che manca sia rimpiazzato da ciò che la nostra mente sente e vuole ricordare seppur questo non sia totalmente veritiero…
    Senz’altro gli aspetti positivi sono stati di gran lunga superiori a quelli negativi!! Ti basti pensare che la mia classe era famosa nell’istituto e non per la disciplina ma appunto per la sua mancanza.. ogni giorno c’era qualcosa e insomma una lezione piatta non la si faceva mai..
    Per quanto riguarda storia… sai che ci convivevo abbastanza bene! sarà perché per un periodo mi ero messa in testa di diventare un archeologa!! chissà magari i film di indiana jones et simili mi avevano un po’ traviato!?!? 😀
    Per quanto riguarda i rapporti con i compagni.. con alcuni, pocchissimi, di loro mi sento regolarmente con gli altri ho perso proprio i contatti… pensa che mi è capitato anche di incrociarne qualcuno per strada e di non venir neanche salutata! insomma 😕 gli anni passano ma non penso di essere cambiata così tanto da non venir più riconosciuta!! sono cose che fanno un po’ male…
    in sostanza se i ponti vengono tagliati un po’ la colpa è nostra ma anche dell’altra persona che non si è attivata per evitarlo.
    Per la tua compagna di classe… beh guarda viviamo nel 3 millennio con un sacco di strumenti a nostra disposizione per rintracciare una persona (manco fossimo degli agenti investigativi) quindi se vuoi puoi! ti basta cercare un attimino e non è detto che tu non la trovi 😀

    1. Riguardo i ricordi negativi secondo me non è mica vero che non li ricordiamo… io penso infatti che ricordiamo quello che ci ha colpito di più, sia in positivo che in negativo.
      E per la compagna… eh e che Gabbiano non ha svolazzato un po’ per cercare? 🙂 E niente, si vede che non è telematica, o forse è molto discreta! E vabbe’, era un curiosità un po’ così, di quelle che ogni tanto rispuntano

      1. mmm urca allora la ricerca si fa più complessa.. l’unica è partire dalla fonte.. “la famiglia” far partire da li la ricerca..
        talvolta il vecchio caro telefono fisso ci da tante soddisfazioni *___*

        In quanto ai ricordi, si può essere… spesso quando parliamo con qualcuno cerchiamo sempre di mostrare i ricordi più belli e positi vi che hanno caratterizzato la nostra vita… (oddio qualcuno lo fa anche in modo poco piacevole, della serie “io sono migliore di te!”) e cerchiamo di tenere i negativi in un angolino del nostro cuore ben nascosti affinché non riaffiorino devastandoci un’altra volta.. beh sai che ti dico… talvolta non mi dispiacerebbe sentire una nota negativa in un discorso se non altro sembrerebbe tutto più veritiero e meno falsato, non trovi?

        1. penso che certi ricordi negativi tendiamo naturalmente a eliminarli, o forse solo a parlarne meno… magari a volte le persone certe cose le dicono solo a chi pensano possa capirle, a parte poi i casi di chi dipinge volontariamente d’oro tutto il suo passato…

          1. tutta colpa di questa società che mette in primo piano l’importanza di apparire.. trasformandoci spesso in ciò che per natura non siamo.
            è un po’ quello che volevo dire con il mio commento precedente ultimamente si incontrano spesso persone che appunto,come dici tu, dipingono d’oro tutto ciò che è in loro potere.. creandosi così l’immagine di una vita perfetta quando questa non lo è affatto.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...