Lettere d’amore

Per scrivere una buona lettera d’amore bisogna iniziare senza sapere che cosa si vuole dire e finire senza sapere cosa si è scritto.

 

[Jean-Jacques Rousseau]

 

… se penso a certe cose che ho scritto, e le considero secondo l’ottica di cui sopra, be’, credo allora di avere qualche talento in proposito :-).
Avrà ragione Rousseau?
Io penso di sì, anche se mi chiedo al contempo quanta razionalità e sentimento mettere nelle questioni d’amore. Credo che troppa razionalità non vada per niente bene, ma nemmeno lasciarla tutta da parte.

Autore: unGabbianoTraLeNuvole

penso che se sapessi volare e nuotassi tra le nuvole, saprei apprezzarne il sapore. Morbido, forse panna, per non esser troppo originali :-)

10 pensieri riguardo “Lettere d’amore”

    1. Riguardo il romanzo, l’ho pensato, sai, mentre scrivevo.
      Anche perché pochi giorni fa ho visto il film “Il club di Jane Austen” :), e non avrei potuto davvero non pensarlo. Il film, però, non lo consiglio.

  1. anch’io quando mi rileggo in certi scritti ho la tua stessa sensazione.. dici che abbiamo un talento? 😀
    La ricetta per l’amore ahimé non l’ho ancora perfezionata.. devo ancora capire le dosi… ma inizio a pensare che sarà una continua ricerca per tutta la vita… insomma non finirò mai di imparare ….
    Penso che molte volte bisogna seguire il proprio cuore affinché non si perdano delle occasioni preziose anche se è difficile abbandonarsi totalmente ad esso e quindi non usare la testa… anche se.. a volte nella vita un po’ di pazzie bisogna farle.. oppure vogliamo vivere con un sacco di rimpianti fatti di “e” e “se” ? insomma se sentiamo di fare qualcosa facciamola senza pensarci troppo su… seguiamo per una volta il cuore e comunque vada sono sicura che sarà una vittoria… (questa è un po’ la filosofia che sto abbracciando nell’ultimo periodo… su carta c’è, tutto sta ora nel metterla in pratica! :mrgreen: )

    1. Anche se nel post ho scritto quello che ho scritto, pochi giorni fa pensavo che molte conquiste dell’uomo sono dovute un po’ anche a un certo grado di follia, di incoscienza. Per esempio. non era forse incoscienza quella di Gagarin? Purtroppo a volte le cose vanno male, ma possono ovviamente andare anche bene, e in quel caso potrebbero andare molto bene.
      Quando Jobs diceva “stay foolish” in fondo credo si riferisse a questo concetto.
      Le nostre esperienze un po’ ci cambiano, comunque sì certo non penso sia sbagliato seguire il cuore, magari è opportuno anche sapere che comunque stiamo abbandonando qualche sicurezza e qualche dubbio che la testa ci metterebbe come freno.

      1. … è “anche” dagli errori che impariamo la lezione 😛 anzi forse è meglio che cito Osar Wilde 😛

        “L’esperienza è il nome che diamo ai nostri errori.”

        Per la mia pochissima esperienza, perché il cuore l’ho seguito poche volte abbandonando quel briciolo di razionalità che la mente mi regalava, non mi sento di averne un ricordo negativo anche quando non è stata delle più piacevoli..
        è quando ho seguito molto di più il cuore che ho sentito di essere più viva del solito 😀
        Perciò sono pro-abbandoniamo_la_mente (ovviamente essendone consapevoli giusto per non rimanerne troppo delusi qualora qualcosa non andasse bene.. ma comunque rimarrà esperienza e l’esperienza è sempre una buona cosa qualunque essa sia)

  2. Per quanto riguarda me, la razionalità non deve mai entrare a far parte delle faccende amorose…un suicidio? A volte si.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...