Colpo di fulmine

Non so a voi, ma a me sono capitati dei colpi di fulmine.
Pochi, forse tre nella vita.
Ma non… concretizzati, nel senso che non ho aperto bocca.
Uno, forse, c’è stato questa sera.
“Forse” perché ero così di sfuggita che non ho nemmeno fatto in tempo a capire quali sensazioni provassi.
Ma come le altre volte, c’è stata una forte emozione, tutta insieme in un istante, una specie di spavento :-). Un bellissimo spavento.
Giro l’angolo e vedo lei, sorridente, rilassata, colorata, semplice ma così graziosa.
Era col ragazzo…
I colpi di fulmine di cui parlo sono visivi (ce ne sono forse di non visivi?), poi magari la ragazza in questione potrebbe sembrare uno scaricatore di porto appena aprisse bocca, chissà.
Ma quando capitano queste cose la guardi e provi una sensazione piacevole, può anche capitare di sorridere.
Pensavo che in un solo istante percepisco tantissime caratteristiche, ed è quasi incredibile. Non so quali siano quelle che contano di più, la bellezza c’entra ma fino a un certo punto. Penso conti il modo in cui vedo qualcuno muoversi, anche stare fermo, in piedi, perché come ti comporti, la tua espressione, dice molto di te. Certo, non tutto.

Perché colpi di fulmine non concretizzati? Me lo sono chiesto, a volte.
Perché se è un colpo di fulmine, se cioè quella persona ti colpisce così tanto, perché non fare qualcosa?
Primo perché so, razionalmente, che è qualcosa di puramente visivo, per cui sarà anche un’emozione ma è solo un possibile inizio.
E poi, cosa dovrei dire a una emerita sconosciuta incontrata per caso non so bene dove? Magari la vedi in metropolitana, scende dopo una fermata… Io poi non sono tipo da queste cose, così. Ma, come mi ha detto qualcuno, “Francesco è impazzito” 🙂 (poi magari vi racconto), per cui non so se io sono quell’io che vi ho appena raccontato.
Beh, chissà, potrei provare con “ciao, sai che fu Benjamin Franklin a inventare il parafulmine?” :-). La sua risposta potrebbe darmi notevoli indizi se il colpo di fulmine ci abbia preso o no. E magari ci proverò davvero, prendendo il tutto come un esperimento divertente.

Autore: unGabbianoTraLeNuvole

penso che se sapessi volare e nuotassi tra le nuvole, saprei apprezzarne il sapore. Morbido, forse panna, per non esser troppo originali :-)

5 pensieri riguardo “Colpo di fulmine”

  1. In effetti non è facile attaccare bottone con una persona che ti colpisce ma che non conosci. Poi al giorno d’oggi si potrebbe anche fraintendere, essendo che molti hanno brutte intenzioni.
    A me non è mai capitato questo colpo di fulmine visivo, se ho provato determinate cose è stato dopo un’approfondita conoscenza interiore. Però sono ancora giovane, magari capiterà in futuro 😀

  2. Riguardo l’attaccare bottone, eh no, non è proprio facile, soprattutto in certi luoghi, e con la fretta!
    Immaginerei comunque di non far preoccupare troppo chi disturbassi un attimo con due parole, visto il mio aspetto che secondo me dice a chiare lettere “non faccio male a una mosca” :). Ma in effetti oggi ti insospettisci sempre quando uno sconosciuto viene a parlarti.

    Non so se a livello di colpo di fulmine ci sia differenza tra uomini e donne.
    A ogni modo è chiaro che con colpo di fulmine non si intende niente che si avvicini anche un po’ ad amore o innamoramento, diciamo che è un… forte interesse improvviso 😉
    Anche per me è necessario conoscere l’essenza di una persona, perché possa nascere qualcosa che non sia solo una sensazione momentanea.

    1. No, beh, se ti riferisci a un mero interesse improvviso, non mi è capitato nemmeno quello. Vale lo stesso principio, per avere un interesse devo conoscere, e purtroppo sono sempre con la testa per aria, quindi non mi capita niente di questo genere proprio perchè la maggior parte delle volte non sono attenta a ciò che vedo.

  3. Ebbi un colpo di fulmine tremendo anni fa. Fu una novità, qualcosa d’inapettato, di fortissimo, di sconvolgente. E fu un innamoramento vero.

    Ripensandoci, adesso sono così distaccata che mi sembra sia accaduto a un’altra persona.

  4. Le mie storie più importanti sono nate da un colpo di fulmine. Che io descriverei come un pugno nello stomaco, un vortice a livello della pancia che mi ha fatto pensare “questa persona sarà importante nella mia vita”. E così è stato. Forse è stato più facile perché si trattava di amici di amici, quindi trovare un contatto è stato più semplice, comunque se uno mi fermasse per dirmi chi ha inventato il parafulmine dopo un attimo di perplessità mi farei una bella risata e penserei che solo una persona originale e simpatica potrebbe attaccare bottone così! 🙂

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...