Under pressure

Oggi per sentire il sapore delle nuvole non c’è davvero problema, sono tornate di tutte le fogge e dimensioni :-), e i gabbiani rimangono a terra, perché piove! (ma ho visto in giro il gabbiano venditore di mantelline impermeabili, con quelle non ci sarà alcun problema!! 🙂 )

Oggi per il sottoscritto gabbiano è stata una giornata un po’ pesante, e sapete che faccio, a volte, per darmi un po’ di spinta?
Ascolto qualche canzone che so in genere mettermi di buonumore, come Under Pressure dei Queen.
Mi tira su sia perché già il titolo mi ricorda che sotto pressione ci sono anche tante altre persone, sia perché la musica stessa esprime una forza che ti viene trasmessa nello stesso momento in cui l’ascolti.
Mi piacciono tantissimo i Queen, e spesso li ascolto mentre corro, è come accendere un motore aggiuntivo 🙂

Il testo non è del tutto allegro, oserei dire realistico, ma alla fine ti fa riflettere e ti mostra possibili orizzonti colorati che si aprono, dopo un giorno un po’ grigio

Alla fine dice  infatti  (segue traduzione italiana)

Can’t we give ourselves one more chance
Why can’t we give love that one more chance
Why can’t we give love
‘Cause love’s such an old fashioned word
And love dares you to care for
The people on the edge of the night
And love dares you to change our way of
Caring about ourselves

Non potremmo dare a noi stessi un’altra chance?
Non potremmo dare all’amore quella chance?
Perché non potremmo darla all’amore?
Perché amore è una parola così fuori moda
e l’amore ti sfida a prenderti cura
della gente sull’orlo del baratro,
e l’amore ti sfida a cambiare il modo
di aver cura di noi stessi